Dic142006

(Puerto Iguazù/1) Las Cataratas De Iguazù

Autobus Rosario-Puerto Iguazù (19 ore): poltrona-letto reclinabile e comodissima, aria condizionata al punto giusto, televisori con film nel dopo cena, personale dell’autobus vestito come gli stewart degli aerei, cena calda (cotoletta con formaggio fuso, insalata, dolce, vino e bibite senza limite, caffè) e infine… coppa di champagne! Certo che si differenziano dai nostri autobus!
 
Qui a Puerto Iguazù siamo vicini al confine con il Brasile e il Paraguay, e l’attrazione principale è costituita dalle omonime cascate (Cataratas de Iguazu). Se in passato non mi attirarono molto in quanto destinazione di troppi turisti, devo dire invece che meritano una visita per la spettacolarità e bellezza dei salti d’acqua. Anche se non son particolarmente alte (80 mt, molti di meno del “Salto Angel” venezuelano di quasi 1000 mt di altezza) la portata d’acqua è impressionante (1500 mc al secondo), e ci si può rendere conto di ciò soprattutto davanti alla maestosa “Garganta del diablo” (gola del diavolo), dove le passerelle arrivano fino a pochi metri dal precipizio. Qui il forte “ruggito” della cascata unito alla vista di tonnellate d’acqua che cadono giù, alla nebbia che si forma in basso sul fiume, agli arcobaleni che il sole crea in mezzo alle nebbie e ali uccelli (rondoni e qualche rapace) che volano veloci su e giù fra gli spruzzi lascia per almeno qualche minuto di stucco. In silenzio.
 
 
Cascate Iguazù
 
 
Interessante anche il percorso di 600 mt nella foresta da attraversare per arrivarci, fra un fitto intreccio di alberi e felci, farfalle multicolori, lucertoloni enormi (grandi quanto iguane), uccelli, qualche bel ragnetto e tutto ciò che la natura rigogliosa dei tropici offre.
Qualche altra cifra: 275 cascate complessive per 2700 metri di larghezza totale, divise fra i due stati confinanti Argentina e Brasile.
Proprio una bella giornata. Nonostante il caldo “infernale”, perché associato ad un’umidità altissima (35° C, vento assente, percorso di 6 ore quasi tutto al sole tranne i 600 mt di foresta, pur con i tanti bar presenti – in serata in ostello sentirò che è morto un anziano per un malore) rimarrà una giornata indimenticabile.
 
 
Ps: a breve online due piccoli video!
 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>