Dic222006

(Brasile) Foz Do Iguacu

Qui a Foz, a pochi chilometri dal confine argentino, ho appuntamento in un ostello con Andrea (il suo sito è www.giroviaggiando.com), un mio concittadino anche lui in giro per il sudamerica e con il quale trascorro un paio di giorni. Nella caldissima Foz, dove la temperatura è arrivata anche a 41° C, un vero toccasana è stata la fresca piscina dell’ostello dove un pomeriggio con Andrea, sdraiati in acqua e immersi completamente fino al collo, discutevamo su come, a volte, è proprio dura la vita… 😀 😀 😀 

A Foz ho visitato il lato brasiliano della cascata di Iguazù, che nonostante permetta una visione più frontale delle cascate non mi ha entusiasmato quanto quello argentino, in quanto non permette l’avvicinamento che in Argentina è possibile fino quasi al bordo delle cascate. Anche la lunghezza complessiva dell’escursione è qui minore, in un paio di ore si vede tutto.

 
Cascata Iguazu Brasile
 
Ed ecco un piccolo filmato dell’intero complesso delle cascate (visto dal lato brasiliano).
 
 
 
 
Il secondo giorno a Foz invece, in compagnia di un tedesco, ho visitato (tanto era gratis!) la più grande centrale idroelettrica del mondo, la diga di Itaipu e il complesso turistico che hanno costruito intorno (un parco, uno zoo con rettilario, voliera, etc). La vista della diga non era tanto spettacolare (il cemento armato raramente lo è!), in compenso è stato inquietante leggere che per costruire quella diga (costruita anche a fini propagandistici ai tempi della dittatura brasiliana e che ha aggravato enormemente il debito estero del Brasile) è stata distrutta una cascata con una portata d’acqua 40 volte superiore a quella di Iguacu e creato un enorme lago che prima non c’era. E’ però anche vero che ora la centrale produce energia pulita, che copre l’intero fabbisogno elettrico del Paraguay e il 25% di quello del Brasile. E quindi il dubbio che ora ho è: si può distruggere l’ambiente per diminuire l’inquinamento del pianeta che è ormai a livelli quasi irrecuperabili? E’ un po’ ciò di cui si discute anche in Italia, particolarmente per le centrali eoliche di Puglia e Sardegna. Ringrazio chi mi saprà rispondere.
 
Da Foz, con Andrea, ci scappa anche una veloce visita in Paraguay, a Ciudad Del Este. E’ questo una sorta di porto franco, o duty free, dove tutto costa veramente poco. Nel quartiere commerciale dove scendiamo dire che regna il caos è fare un complimento alla città. E’ una vera bolgia di persone, macchine, camion, carretti, animali, taxi, tutto è in movimento alla ricerca di acquirenti. Ogni 2 passi c’è qualcuno che cerca di venderti qualcosa, in tutte le lingue di questa zona di mondo (portoghese, spagnolo, guaranì e inglese). Ne approfitto per cambiarmi l’orologio da viaggio colombiano che è al capolinea (cinghietta rotta e batteria scarica, pagato 5 euro in Colombia un anno fa) e ne acquisto così uno paraguayano (imitazione di uno swatch) per 5 reais, meno di 2 euro. Per un altro anno dovrebbe andare bene. 🙂
 
 

11 comments to (Brasile) Foz Do Iguacu

  • Ciao Pedro, leggo solo ora quello che hai iniziato a fare… in bocca al lupo per tutto… mi hai commosso con la storia dello Snoopy. Buon viaggio!

  • rosanna

    24/12/06 h14.10 Nuoro temperatura 10 gradi nebbia e pioggia da 3 gg! Spero che tu possa sopportare con stoicismo la tua situazione!(Grrrr!).Non so dove sei ne che ora sia da te, (da una semi-sedentaria non potevi aspettarti di meglio!)
    Ma,con i potenti mezzi della tecnica ti posso comunque fare infiniti auguri x Natale e x lo stupendo anno che stai vivendo.Un abbraccio Rosanna p.s. non ti perdi niente, ma proprio niente te lo assicuro!!! smack smack

  • Ciao Massimo, prima o poi ci rivedremo ad un raduno di Michele! ; - )Grazie, ciao!

  • Ma come, mi perdo tutte le solite brighe sindacali con il capo di turno. : - D A proposito, è cambiato come si diceva qualche mese fa?
    Ciao ciao Rosanna, grazie.

  • Ali3n0

    Ciao Petrus vabbè ormai è inutile dirti “goditela gnàro” che mi sa che non ci esci più dal ritmo RTW eh? Vabè anche se son non-credente e anche se è già passato il 25, ti faccio lo stesso gli auguri 😛
    PS ho dato una ripulita al mio blog e ti ho linkato nei preferiti… mi sa che è vero che siam tutti più buoni in questo periodo dell’anno ghghghgh Lacio drom!

  • Massimo

    ciao Pietro, ho letto dai tuoi racconti che ti sei associato ad una catena di ostelli? mi potresti dire qualcosa in più? sett prox sono in argentina/brasile/uruguay e potrebbe essere interessante..
    grazie buon viaggio..
    ciao M.

  • Ue Pedro che spettacolo queste Cascate.. mi sembrano quelle del niagara solo senza le luci dei casino alle Spalle :)…Divertiti e buon Anno

    Carmine

  • Musicomane: ti seguio anch’io nel blog, chissà di beccarci a Melbourne a giugno! ; - ) Grazie, ciao!

    Ali3no: grazie di tutto, ricambio gli auguri anche se so che non sei credente. Ho seguito spesso i tuoi lunghi ma (secondo me) stupendi post che scrivi sul tripforum! Ora guardo il tuo blog, e spero che tu ora lo aggiorni più spesso. Inizia a scrivere le impressioni pre-viaggio, vedrai che dopo che parti fa piacere rileggersi su “come si era prima”! : - D
    Ciao!

    Massimo: in Argentina ho comprato la tessera annuale Hostelling Internacional, costa 10 euro ma vale un anno e ti fanno ottimi sconti negli ostelli (dal 15 al 40%) e in un paio di settimane recuperi il costo. La tessere si compra nell’ostello. Ciao!

    Ciao Carmine, grazie. Auguri anche a te. Ciao!

  • luon

    ciao pietro siamo sempre con te

  • Ciao “Luon”, allora a capodanno fate un brindisi per la macchina di Patrizia, e uno per me! Ok? : - )
    Ciao ciao, grazie.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>