Categorie

Dic152015

Boicotta l’Olio di Palma !

Boicottiamo l'olio di palma
(Post scritto più di un mese fa, che solo ora assemblo e trascrivo nel blog… Polpettone un po’ lunghetto, ma considerato che ora sto qui scrivendo ogni 6 mesi, avete ben 6 mesi di tempo per leggerlo prima del prossimo  😀 )

Da un paio di mesi, nella zona del mondo in cui mi trovo ora (sud-est asiatico) si sta consumando un disastro ambientale (e anche umano) di cui nei giornali italiani non ne ho visto traccia (PS: alla fine qualche articolo è apparso verso fine novembre, alla fine degli incendi).
Ecco quindi che mi sento costretto a rimettermi il vestito di Super Travelbaila, e cercare di salvare il mondo! 😀

Super TravelBaila

Le foreste indonesiane dell’isola di Sumatra e Giava da due mesi continuano a bruciare (parlo di foreste primarie, la giungla tropicale che da millenni ricopre quelle isole, con tutta la sua bella fauna dentro, l’orango ormai in via d’estinzione e la seconda più grande biodiversità del mondo dopo l’Amazzonia). Ufficialmente i fuochi sono dovuti ad antiche pratiche contadine (peraltro oggi proibite dalla legge) di bruciare i residui delle coltivazioni passate per pulire i terreni e far posto alle nuove coltivazioni, pratica che si svolge una volta l’anno durante la stagione secca (settembre-novembre). I terreni si potrebbero ripulire anche con mezzi meccanici, ma costa di più e l’Indonesia è un paese povero. Nei paesi poveri i problemi ambientali hanno generalmente una priorità più bassa di tutti gli altri problemi. Ricordo anni fa di aver visto i poveri laotiani (abitanti del Laos) buttare nel grande fiume Mekong i contenitori in polistirolo del loro pranzetto al sacco, con tutta la sua busta ovviamente non biodegradabile. Nessuno gli ha mai insegnato che in quel modo inquinavano l’ambiente, per loro importava solo che quei contenitori in polistirolo, che stavano arrivando in gran quantità dalla confinante Cina, costavano meno delle foglie di banano che usavano prima per avvolgere il loro cibo. Foglie che dopo il pranzo buttavano sempre nello stesso fiume ma con ben diverse conseguenze.

Quindi questi incendi dell’Indonesia sono colpa dei poveri contadini? Forse al massimo per il 5% si, per il resto c’è lo zampino neanche troppo nascosto delle grandi multinazionali che producono qui il famigerato olio di palma.

Che cos’è l’olio di palma? What’s Palm Oil? Che ce ne frega a noi italiani che abbiamo il nostro ottimo olio extra vergine di oliva?

Frutto della Palma da Olio

I frutti della palma da olio

L’olio di palma viene estratto dal frutto (una specie di dattero) della palma da olio.
Negli ultimi anni ha avuto un incremento fortissimo nel consumo mondiale (e quindi nella produzione) fino a diventare oggi l’olio vegetale più consumato al mondo. Si usa non solo in campo alimentare ma anche per saponi e prodotti di bellezza e, sempre meno, per la produzione del biodiesel. L’industra alimentare è quella che ne sta consumando sempre di più, e l’Italia oggi è il secondo paese consumatore in Europa (nonostante il nostro ottimo e più sano olio extra vergine di oliva!).
E perchè si sta diffondendo così tanto? Le “scuse” ufficiali dicono che l’olio di palma resiste di più alle alte temperature dei fritti, quindi le nostre patatine diventano più croccanti e la Nutella più saporita (e per questo quest’ultima contiene sempre meno nocciole… ormai ha solo il profumo di nocciola, e oltre il 30% di olio di palma).
Ma il vero motivo della sua enorme diffusione è soltanto uno: costa MOLTO MENO degli altri oli vegetali, e le aziende quindi guadagnano di più! Che gliene frega alle multinazionali della salute tua e del mondo….

A fine settembre sono atterrato di notte a Singapore, e il cielo aveva una strana foschia…. sembrava nebbia ma era strana. E’ bastata qualche domanda a gente del posto per scoprire che questa modernissima città era avvolta da circa un mese da un denso fumo, proveniente dalla confinante Indonesia. Di giorno il sole non si vedeva mai, il governo distribuiva gratis le mascherine da viso, sono stati annullati importanti tornei sportivi internazionali, ogni tanto si chiudevano le scuole, era fortemente sconsigliata qualsiasi attività fisica all’aperto. Si poteva camminare per strada, but please non respirate troppo…

Vie centrali a Singapore, Settembre 2015 - Haze 2015

Vie centrali a Singapore, Settembre 2015

Il sole a Singapore a settembre e ottobre 2015

Il sole a Singapore a settembre e ottobre 2015

Il Merlion a Singapore, con il fumo

La statua simbolo di Singapore, il Merlion, con tutto il suo bel fumo intorno

In Indonesia, con la scusa delle prima citate “antiche pratiche agricole”, gli incendi si appiccano anche alle foreste tropicali, per liberare in fretta il terreno da piante ed animali e fare posto a nuove coltivazioni di palma. Il governo ha aumentato le multe e le pene per gli incendiari, ha mandato militari e (pochi) mezzi antincendio, ma gli incendi anzichè diminuire sono aumentati… (alla fine quasi 3 mesi di incendi continui!).

I paesi vicini (Singapore, Malesia, Thailandia, Brunei, Vietnam, Filippine) allora iniziano a brontolare, ma il presidente Indonesiano se ne frega.
I paesi vicini offrono aiuto gratis per spegnere gli incendi, ma il presidente Indonesiano rifiuta l’aiuto.
I paesi del Sud Est asiatico si riuniscono a Settembre per discutere di questo problema, e un solo stato non partecipa: l’Indonesia.

Le prime risposte ufficiali al problema del governo Indonesiano sono, a dir poco, ridicole. Questa quella più “eccentrica” che ricordo: “Il nostro Paese non deve chiedere scusa ai paesi vicini per il fumo che ricevono dai nostri incendi un mese all’anno, quando nei restanti 11 mesi loro non ci ringraziano per l’aria fresca e sana che ricevono dalle nostre foreste”. Neanche il nostro Salvini credo sia capace di dare una risposta ufficiale talmente idiota…

Le conseguenze di 3 mesi di incendi intensi sono state:

  • 19 persone morte
  • 500.000 persone intossicate
  • 20.000 Kmq di foresta tropicale distrutta per sempre
  • costi per 30 miliardi di dollari per l’Indonesia
  • scuole spesso chiuse nelle aree vicine agli incendi
  • l’Indonesia da quando ha questo problema (in inglese denominato “Haze”) è diventato il terzo paese inquinatore del mondo (dopo Cina e Usa), però durante i mesi degli incendi è balzata temporaneamente al primo posto
  • l’Indonesia da 3 anni ha superato il Brasile nella triste classifica dei Paesi disboscatori; anche qui è ormai arrivata al primo posto, di più non può salire
  • l’Orango (unico grande primate vivente al di fuori dell’Africa) è ancor più a rischio d’estinzione
  • problemi diplomatici con i paesi vicini
Strade in Indonesia durante l'Haze 2015

Strade in Indonesia durante l’Haze 2015

Alla fine il presidente indonesiano Joko Widodo ha dovuto fare retromarcia e chiedere aiuto a chi prima aveva respinto, estendendo la richiesta anche a Russia, Giappone e Australia. Ma ormai il danno era fatto, e alla fine solo l’arrivo delle grandi pioggie ha posto fine, per quest’anno, a questa tragedia.

Le inchieste e indagini non hanno portato grandi risultati, alcune grosse aziende sono fortemente sospettate di essere le mandanti, ma non solo non le sono state revocate le licenze di sfruttamento delle foreste, ma anzi queste sono state aumentate (quindi l’anno prossimo ci saranno ancora più incendi).

Un Orango con il suo piccolo in gravi condizioni dopo un incendio - Indonesia 2015

Un Orango con il suo piccolo in gravi condizioni dopo un incendio – Indonesia 2015

Dopo tutto questo disastro, viene da chiedersi: perchè il presidente di uno stato così grande (250 milioni di abitanti) si comporta in una maniera così stupida, permettendo la distruzione del suo paese, morti e intossicati fra il suo popolo, costi altissimi per fermare/riparare i danni e problemi diplomatici con i suoi paesi vicini? Che senso ha?

Io mi son dato due risposte, forse la verità sta in mezzo alle due, o sono entrambe, oppure chissà:

  1. Corruzione – Trattandosi di grandi multinazionali con giri d’affari ultra-miliardari, non credo sia impossibile corrompere un presidente di un paese povero con tutto il suo governo, militari e polizia
  2. Criminalità – Ho letto che in Indonesia esistono gruppi para-militari ben conosciuti al governo, eredi di quelli che 50 anni fa hanno massacrato mezzo milione di presunti “comunisti” durante la dittatura di Suharto (ovviamente, tanto per cambiare, anche qui ci furono forti sospetti di appoggio della CIA). Un genocidio però di cui, a differenza di tanti altri avvenuti nel mondo, non c’è mai stata nessuna condanna dei responsabili ma soprattutto nessun pubblico riconoscimento dei fatti, anzi i protagonisti sono ancora oggi trattati nel loro paese come eroi nazionali. Pare oggi ci siano tre milioni di nuovi affiliati a questo gruppo paramilitare, chiamati  Gioventù-Pancasila, che il governo utilizza in varie zone per mantenere “l’ordine pubblico”. E chi si macchia di grossi crimini contro le persone non si fa certo scrupoli a commettere crimini contro l’ambiente. Quindi forse Widodo non può fare molto contro questo potente gruppo di “amici”.

  

Che fare?

Nel nostro piccolo, sapendo il disastro ambientale a cui il mondo sta andando incontro, e sapendo anche che l’olio di palma ha un alto contenuto di grassi saturi (il che significa spalmate di colesterolo nelle nostre arterie ad ogni boccone + rischi cardiovascolari), dovremmo limitare l’acquisto di prodotti che lo contengono (eliminare del tutto so che non è semplice, considerato che ormai la maggior parte dei prodotti alimentari lo contengono). La spesa settimanale è la nostra unica (ma potente) arma.

Da gennaio di quest’anno (2015) individuare i prodotti che lo utilizzano è più semplice grazie ad una normativa europea (si, l’Europa molto spesso fa le cose buone e giuste) che obbliga i produttori ad indicare esattamente quali grassi vegetali sono presenti negli ingredienti.

Qui un piccolo elenco di marchi famosi che lo utilizzano in grandi quantità, per gli altri basta dare uno sguardino alla tabella degli ingredienti quando compriamo qualcosa al supermercato:

– Barilla
– Buitoni
– Divella
– tutti i prodotti della Ferrero, inclusa la Nutella (contenente ben il 31% di olio di palma… grasso puro, altro che crema di nocciola)
– Mulino Bianco
– Nestlè
– Knorr
– Star
– Pavesi
– Saiwa
– Mars
– Ritz
– Pringles
– Algida
– Misura
– Kellogg’s
– Pepsi
– L’Orèal
– Garnier
– Dove
– Palmolive
– etc etc etc….. 😥

E quindi… buona scelta al supermercato! Pensate alle foreste bruciate e ai prepotenti paramilitari indonesiani quando riempite il carrello!

Ora mi tolgo il vestito da Super TravelBaila e vado a ballare la salsa! 🙂

Ciao!

Link utili:

La puntata di Report che ne ha parlato:
REPORT – Rai3

Un ottimo articolo del quotidiano britannico The Guardian (in inglese)
http://www.theguardian.com/commentisfree/2015/oct/30/indonesia-fires-disaster-21st-century-world-media?CMP=fb_gu

“Haze 2015”, gli incendi in Indonesia nel 2015, su Wikipedia
https://en.wikipedia.org/wiki/2015_Southeast_Asian_haze

Un bel video di WWF International

Gen242008

Usi e costumi di BALI

Nel post precedente ho accennato alle usanze di Bali che sarebbe meglio conoscere prima di andarci. Sono simili a quelle di tutto il sud-est asiatico, con qualche peculiarità tipica di Bali, anche se devo dire che per la Thailandia ne ho letto ancora di più, alcune anche non facilissime da comprendere e per questo ancora più affascinanti. Più avanti parlerò anche di quelle.

Conoscerle non solo per capire ciò che vediamo ogni giorno in questi paesi ma anche, magari, per portarcene poi qualcuna dietro quando rientriamo nel nostro mondo. 🙂

Queste elencate qui di seguito le ho estratte da un numero della rivista Buongiorno Bali (http://www.buongiornobali.it), rivista gratuita creata da italiani residenti a Bali.

Buona lettura!

.

USI E COSTUMI BALINESI

ADEGUARSI ALLE CONSUETUDINI PER MOSTRARE E RICEVERE RISPETTO

I Balinesi sono persone molto aperte, disponibili a dividere il loro retaggio culturale e religioso, la loro spirituale saggezza, nutritasi nei secoli.
I turisti sono, generalmente, accolti calorosamente – i comportamenti degli stranieri, spesso a loro non comprensibili, vengono tollerati – e ammessi alle cerimonie, sia nei templi, che private.
Suggeriamo tuttavia alcuni modi a cui attenersi, per mostrare rispetto nei loro confronti, e alcune notizie, per meglio capire i costumi della popolazione che ci ospita. Non ci stancheremo infatti mai di ricordare, a turisti e residenti, che, comunque, siamo ospiti e che quindi spetta a noi adeguarci, e non viceversa.

  • Una constatazione frequente, che spesso suscita dubbi e curiosità: per le strade e nei grandi magazzini è facile vedere due ragazzi o due ragazze tenersi per mano. E’ una consuetudine. E’ ammesso il contato fisico tra due persone dello stesso sesso, senza alcun malizioso significato sessuale, mentre è del tutto inusuale, in pubblico, il contatto tra sessi diversi, effusioni, baci, abbracci, anche tra persone sposate.
  • Quando si assiste …. continua a leggere qui >>
Gen212008

Costi Indonesia (Bali, Gili, Giacarta) 2007

COSTI INDONESIA (2007)
Bali, Gili, Giacarta
(1 € = 12.000 rupie)

.


ALLOGGI

(in Indonesia hanno quasi sempre la colazione inclusa)

BALI
Kuta Dua Dara Inn (tel. 0361-754031): Rp 35.000 (2,9 euro!! – 1 persona), 50.000 (2 persone, 2 euro a testa!). Pulito, bagno in camera con acqua fredda, ventilatore, colazione in camera – Ci sono anche camere con aria condizionata, a 90.000 Rp (1 pers) e 125.000 Rp (2 pers), più spaziose e con anche acqua calda. Le camere hanno sempre il letto grande matrimoniale – Hotel ottimo e super-economico!!
Ubud  Ni Nyoman Warini Bungalows: (tel. 0361-978364): Rp 60.000 (1 persona). Bagno con acqua calda, ventilatore, colazione in camera. Guest house ottima, proprietari cordiali e pace assoluta.

GILI TRAWANGAN (Lombok)
Lisa Homestay: Rp. 60.000. Bagno, ventilatore, colazione – Pulito, un po’ caldo.
Rudy’S Pub: Rp. 50.000. Colazione, ventilatore, bagno senza lavandino – Più rustico

GILI MENO (Lombok)
(Qui, a causa di una richiesta d’informazioni ricevuta, ho preso i prezzi e contatti di quasi tutte le strutture ricettive)

Isola stupenda, spiagge bellissime (coralline, c’è la barriera vicina) anche se strapiene di pezzi di corallo morto per cui bisogna fare sempre molta attenzione ai piedi.
Contatto totale con la natura, si può girare dappertutto scalzi (non ci sono strade asfaltate né auto, così come anche a Gili Trawangan). Pochi turisti in generale anche se gli alloggi d’estate (estate italiana) sono quasi tutti pieni. Al limite nella vicina e più grande Gili Trawangan ci sono tantissimi alloggi, sono più economici, e le spiagge sono ugualmente bellissime.
Niente casino la notte, ci son solo 2 bar che in teoria chiudono tardi ma dopo una certa ora sono quasi vuoti. Per chi vuole le feste c’è Gili Trawangan.
Fa molto caldo, clima diverso da Bali dove invece il caldo è più secco e sopportabile (in questo periodo, luglio).

I seguenti prezzi …. continua a leggere qui >>

Gen182008

Giacarta: le (poche) foto

E con queste poche (15) foto di Giacarta, si chiude l’Indonesia.

Prossima puntata: Singapore, la mecca del consumismo.

Correzione
No, la prossima puntata sarà la consueta pagina sui costi Indonesiani, pagina che riporto sempre quando finisco di parlare di un paese. Fra l’altro proprio ora mi sono accorto che sull’Australia questa pagina non l’ho inserita.
Eh eh, forse avevo troppa fretta di finire di parlare di quel paese.

Ciao!

FOTO Giacarta (15)

.

Gen132008

Giacarta: tra Islam e bat-girls

Dopo Bali, sosta a Giacarta, capitale dell’Indonesia, in attesa del volo per Singapore. Non sembrava particolarmente interessante come città, ma un po’ di riposo dopo le 24 ore di autobus da Bali e soprattutto il fatto che è la mia prima volta che mi reco in una città musulmana, mi spingono a rimanere qui almeno 2 giorni. Islamismo che però, nonostante l’Indonesia sia il più grande paese musulmano al mondo, pare molto “leggero” (cioè non fondamentalista) sia nell’aspetto esteriore (si vedono non tante donne con il velo in testa, e quelle che ce l’hanno indossano comunque jeans o altri vestiti tipicamente occidentali) che, come leggo nella mia guida, per il grado di armonia con le altre religioni minori presenti.
Quando, ad alcune ragazze senza velo, provo a chiedere perché non lo indossino, diverse volte mi rispondono:”Perché fa caldo”. Semplice, no? Niente discorsi pro o contro la religione, solo comodità personale. Così è bello, secondo me. Niente precetti, ognuno deve poter fare quello che gli pare.

.

ragazza musulmana

Una ragazza musulmana

Due giorni però sono pochi per conoscere gente (che non siano turisti stranieri) e allora la seconda notte, per passare la serata, cerco su internet qualche locale dove si balla salsa. Di solito nelle capitali asiatiche qualche comunità “salsera” c’è sempre. Trovo così un solo indirizzo, il BATS, locale sito sotto la hall del grande e lussuoso Shangri-La Hotel. Tanto lussuoso che, quando ci arrivo, i portieri in divisa all’ingresso mi aprono la portina del taxi, mi fanno un inchino e mi aprono le grandi porte di quell’hotel di lusso dandomi il benvenuto. Ma… a me?? Mi trovo spiazzato. “Lei non sa chi sono io”, mi viene da pensare, “io ho dormito nei peggiori hotel brasiliani, lo sappia, e mi son anche preso gli acari!”. 😀

Dentro il BATS ci sono tante ragazze bellissime …. continua a leggere qui >>

Gen82008

Ultime tappe di Bali (foto)

Ultime tappe di Bali, come dal precedente racconto.

Foto delle bellissime risaie di Jatiluwih e di tutto ciò che c’era intorno, con tappa finale nella spiaggia di Kuta.

Bali, un altro luogo fantastico dove, prima o poi, ritornarci. 🙂

Ciao!

FOTO Jatiluwih (e Ubud e Kuta) (66)

.

Pagina 1 di 3123